Politica per la Qualità

 

Valutazione critica

L’IMPRESA DI CINTIO nell’anno 2000, dopo circa 50 anni di attività svolta, durante i quali aveva posto in uno standard “reale” di qualità del proprio prodotto il punto di forza e di promozione, decise di intraprendere un percorso di qualità “certificata”, ancorché non obbligatoria “per legge” nell’ambito dei lavori verso la Pubblica Amministrazione.

Questa scelta fu fatta considerando la qualità certificata non un requisito formale ma un percorso di razionalizzazione del proprio sistema produttivo e di crescita delle proprie risorse umane.

Dopo 10 anni di certificazione è inevitabile esprimere un giudizio sul percorso effettuato e rendicontare a se stessi circa i risultati conseguiti in questo periodo.

Rileggendo le linee strategiche poste alla base della scelta dei primi anni di questo nuovo millennio, riteniamo che la decisione di certificare l’azienda per produrre “cultura della qualità e consapevolezza nell’operato” abbia raggiunto discreti livelli di successo (mai sufficienti per azzerare i rischi di errore che insidiano quotidianamente chi “opera”) all’interno dell’azienda, mentre non hanno sortito risultati incoraggianti nei confronti delle controparti contrattuali del mondo delle costruzioni.

Queste infatti, pubbliche o private che siano, non hanno ancora assimilato la valenza culturale ed etica della certificazione di qualità ed operano nella migliore delle ipotesi con superficialità quando non operano con “determinata cattiva fede”.

 

Politica

Per queste ragioni intendiamo ribadire senz’altro le linee strategiche rivolte all’interno dell’azienda quali:

  • Coinvolgimento, Formazione e Sensibilizzazione continua del personale su tutte le attività inerenti il Sistema Qualità e Sicurezza;
  • Coinvolgimento e sensibilizzazione dei fornitori per il miglioramento delle loro prestazioni e la creazione di relazioni improntate alla crescita reciproca.

Sul fronte della sensibilizzazione della Clientela al valore della certificazione del Sistema Qualità occorrerà tentare di interloquire con questa con una  corrispondenza non solamente finalizzata alla soluzione di problematiche tecnico/amministrative ma con:

  • comunicazione di intenti;
  • riscontri sulla soddisfazione.

I nostri obiettivi strategici aziendali si tradurranno in traguardi, assegnati ai vari responsabili di funzione/processo, quantitativamente minori ma più controllati.

Tale Politica aziendale sarà sottoposta a riesame periodico dalla Direzione in occasione dei successivi incontri di Riesame del Sistema Qualità.

Pescara, lì 18/11/2009

Scarica il documento in formato PDF